Museo Van Gogh di Amsterdam
 | 

Museo Van Gogh di Amsterdam: Prezzo, Orari e Opere 2024

Vuoi saperne di più sul Museo Van Gogh di Amsterdam?

Vuoi scoprire tutti i dettagli della visita e vale la pena visitarlo?

Sei nel posto giusto! In questo articolo infatti trovi una analisi dettagliata del museo.

Ecco cosa scoprirai:

  • Come funziona la visita al Museo Van Gogh e cosa vedere a livello di opere
  • Quanto tempo ci vuole a visitare il Museo Van Gogh di Amsterdam
  • Tutti i dettagli utili per la visita come il prezzo, gli orari e alcuni consigli

Buona lettura e buona visita al museo!

Prima di iniziare...

LINK UTILI PER IL TUO VIAGGIO AD AMSTERDAM

  • I Amsterdam City Card: il pass turistico per accedere GRATIS alla quasi totalità delle ATTRAZIONI di Amsterdam e per usare in maniera illimitati i TRASPORTI (con un risparmio del 40-60% sul totale)
  • GVB City Pass: il pass che ti permette di utilizzare GRATIS I TRASPORTI

Biglietti per le attrazioni più popolari

Migliori visite guidate ed escursioni di 1 giorno

Dove alloggiare ad Amsterdam

Museo Van Gogh di Amsterdam: panoramica generale

Museo Van Gogh Amsterdam
Foto cortesia di Van Gogh Museum, Amsterdam

Il Museo Van Gogh, situato nel quartiere dei musei di Amsterdam, è la più importante galleria al mondo dedicata al celebre pittore olandese.

Dopo la sua morte, avvenuta nel 1890 (suicidio) Theo, il fratello, ereditò tutti i dipinti ma purtroppo morì appena 6 mesi dopo.

La vedova Johanna Van Gogh-Bonger iniziò ad organizzare mostre e a vendere i quadri, fino al 1920, anno in cui capì che questi erano di inestimabile valore e andavano conservati.

Il museo venne inaugurato il 3 giugno del 1973 dalla famiglia di Van Gogh, su progetto dell’architetto olandese e designer di mobili Gerrit Rietveld.

Più avanti verrà aggiunta una seconda ala per le mostre temporanee, progettata invece dall’architetto giapponese Kisho Kurokawa.

Il museo è famoso per ospitare il maggior numero di opere di Vincent Van Gogh, circa 200 quadri di inestimabile valore.

Oltre ai circa 200 dipinti il museo ospita la maggior parte dei disegni e schizzi di Vincent e le opere di alcuni artisti contemporanei che hanno in qualche modo influenzato l’artista.

Curiosità: il dipinto di Van Gogh più costoso in assoluto è stato il “Ritratto del Dottor Gachet” battuto all’asta nel 1990 per 82,5 milioni di dollari.
Altra curiosità: il 7 dicembre del 2002 il museo subì il furto di due importanti quadri, “Una congregazione lascia la chiesa riformata di Nuenen” e “La spiagga di Scheveningen prima di una tempesta”. Queste vennero ritrovate in Italia nel 2016, durante una perquisizione della guardia di finanza in una operazione contro la camorra. I due quadri erano nascosti in una cassaforte.

Come arrivare al Museo Van Gogh di Amsterdam: e dove si trova

Per raggiungere il Museo Van Gogh di Amsterdam da altre zone della città puoi prendere la metropolitana linea 52 che effettua una fermata a Museumplein, oppure con i tram 2, 3, 5 e 12 con fermata sempre a Museumplein.

Un’altro mezzo per raggiungere il Museo Van Gogh è l’autobus, in particolare le linee 347, 357 e 397.

Museo Van Gogh di Amsterdam:: prezzo, biglietti e orari

Prezzo e biglietti per il Museo Van Gogh di Amsterdam

L’ingresso al Museo Van Gogh ha un costo di 22€ se acquistato online oppure 25€ se acquistato in loco. Il biglietto include la mostra interattiva e l’audioguida.

C’è anche la possibilità di acquistare il biglietto senza l’audioguida (sconsigliato) a 20€. I ragazzi e bambini sotti i 18 anni entrano gratuitamente.

Si tratta di uno dei musei più visitati di Amsterdam e si consiglia di acquistare il biglietto con almeno una settimana di anticipo per trovare posto.

Personalmente acquisto i biglietti presso questo rivenditore ufficiale (22€ con audioguida anziché 25€).

I vantaggi di prenotare online sono che:

  • è tutto digitale, ottieni un QR code con cui accedi al museo senza problemi
  • costa un po’ meno (22€ contro 23,5€ del sito ufficiale e i 25€ del botteghino)

Clicca qui per acquistare i biglietti scontati online

Museo Van Gogh di Amsterdam:: opere e cosa vedere

La carriera di Van Gogh non è iniziata da giovanissimo, ma a circa 27 anni, ed è durata appena 10 anni.

Nonostante ciò, nel corso di questa breve carriera, il pittore è riuscito a creare oltre 2000 dipinti e disegni. Buona parte di questi si trovano oggi custoditi nel Van Gogh Museum di Amsterdam.

Vincent in questi 10 anni visse in 3 paesi, e le sue opere possono essere suddivise in altrettanti periodi storici in cui il suo stile si andò evolvendo.

Nella prima parte della sua carriera era solito ritrarre immagini di vita quotidiana incentrati sui contadini olandesi, in questa fase i suoi dipinti tendevano ad essere particolarmente scuri e cupi.

Nella seconda parte, grazie al suo trasferimento a Parigi e il contatto con diversi impressionisti, Vincent iniziò a sperimentare queste correnti artistiche e persino con lo stile giapponese.

Nell’ultima fase della sua vita, che il pittore passò ad Arles nel sud della Francia. In questi ultimi anni prima del suicidio, iniziarono a manifestarti i primi segni della sua malattia mentale, e questo influenzò i suoi quadri.

Parliamo un po’ di come è strutturata la visita.

Il museo, è composto da due edifici, l’ala principale che ospita la collezione permanente e l’ala secondaria riservata invece alle mostre temporanee.

L’ala principale è composta da 4 piani. Ognuno di questi rappresenta uno dei 3 periodi della vita di Van Gogh. Qui trovi la cartina completa del museo

Itinerari che includono il Van Gogh Museum

Prima di iniziare eccoti una serie di itinerari che puoi usare come ispirazione per creare il tuo, e che includono la visita al Van Gogh Museum:

Piano terra del Van Gogh Museum di Amsterdam

Qui troviamo le opere del primo periodo di attività come pittore di Vincent Van Gogh. I suoi soggetti in questi periodo sono per lo più contadini, fiori e ritratti.

  • Ritratti: nel piano terra se ne trovano molti (il pittore nel corso della sua vita ne creò 35). Alcuni di questi ritratti non sono mai stati completati, questo perché l’artista li usava semplicemente per fare pratica.
  • Altri quadri in questo piano: altri soggetti di questo periodo sono immagini di contadini, e lo spettacolare quadro “I girasoli”, che è in questo caso una copia dell’originale. Tra l’altro questo quadro può essere toccato senza problemi, per rendersi conto della “texture” delle tinture utilizzate da Vincent, che sono molto spesse.

Primo piano

Dipinto di Van Gogh, Amsterdam
Foto cortesia di Van Gogh Museum, Amsterdam

Anche il primo piano è dedicato alla prima parte della sua carriera, che copre circa i primi 5 anni. Periodo in cui il pittore visse nei Paesi Bassi.

Ecco alcuni dei soggetti principali:

  • Mangiatori di patate: uno dei quadri più celebri di questo primo periodo. L’artista mostra in maniera cruda la dura vita dei contadini durante questo periodo storico. Grazie al gioco di luci e ombre l’autore riesce ad accentuare i toni malinconici e cupi del quadro.
  • I girasoli: in questo piano troviamo anche l’originale del celebre quadro “I girasoli”. Nel corso della sua vita l’artista creò ben 7 versioni di questo soggetto. Il Van Gogh Museum ne possiede 1.

Secondo piano

Dipinto di Vincent van Gogh, Van Gogh Museum, Amsterdam
Foto cortesia di Van Gogh Museum, Amsterdam

In questo secondo piano troviamo molte delle lettere che l’artista scrisse al fratello e ad altri artisti. Nelle lettere spesso includeva disegni e schizzi di opere a cui stava lavorando oppure descrizioni dei suoi futuri progetti.

Oltre alle lettere trovi una descrizione dettagliata dei processi di lavoro che Vincent Van Gogh utilizzava per creare i suoi quadri. In questo caso l’audioguida è di grandissimo aiuto.

Tra le opere più famose ospitate in questo piano abbiamo “La casa gialla”, un dipinto che ritrae la casa in cui l’artista visse insieme a Gaugin ad Arles, Francia.

Terzo piano

Nel terzo piano troviamo diverse opere dell’ultima fase della vita dell’artista.

Il suo stile in questa fase cambia, si riempie di simbolismo ma anche di una “apparente calma” e tranquillità.

Tra i quadri più significativi di questo periodo abbiamo “Campo di grano con volo di corvi”, un’opera che segna e simbolizza in qualche modo l’avvicinarsi della fine, ormai imminente.

Quanto tempo ci vuole a visitare il museo Van Gogh di Amsterdam?

Per visitare il Museo Van Gogh di Amsterdam occorrono almeno 2 ore. L’ideale sarebbe dedicare 3 ore, in modo da avere tempo sia per la mostra permanente che per quelle temporanee.

Consigli per visitare il Van Gogh Museum di Amsterdam

E adesso vediamo alcuni consigli che ti aiuteranno a godere al massimo della tua visita presso il Van Gogh Museum di Amsterdam.

  • Scattare foto: purtroppo è proibito scattare foto, tranne che nelle poche aree in cui è permesso (troverai un’insegna).
  • La biblioteca: all’ultimo piano trovi una interessante biblioteca dove è possibile acquistare la biografia di Van Gogh, libri illustrati con le sue opere, libri per bambini e tanto altro.
  • Quando visitare il museo: come spiegato si tratta di uno dei musei più visitati dei Paesi Bassi, per evitare di trovarlo eccessivamente affollato, ti consiglio di visitarlo la mattina oppure il tardo pomeriggio.
  • Quando comprare i biglietti: per lo stesso motivo è importante acquistare i biglietti con almeno 1 settimana di anticipo, in modo da poter scegliere l’orario e ovviamente trovare posto. Qui trovi i biglietti prenotabili online.

Museo Van Gogh di Amsterdam: opinioni e recensioni

In quest’ultima sezione trovi una brevissima raccolta di recensioni che ho trovato online. Quindi vedremo in poche parole cosa ne pensa chi ha visitato questo museo.

Cosa ne penso io? Si tratta di uno dei migliori musei di Amsterdam, e senza dubbio anche uno dei migliori musei al mondo. Visita imperdibile.

Ecco cosa ne pensano altri visitatori:

  • Molte persone hanno apprezzato la praticità di acquistare i biglietti online, per non fare la fila
  • A molti è piaciuta l’audioguida, che aiuta tantissimo (visto che il museo è un po’ dispersivo)
  • Alla maggior parte degli utenti è piaciuta l’organizzazione cronologica delle opere, cosa che aiuta a comprendere le diverse fasi attraversate dal pittore durante la sua breve carriera.

Clicca qui per leggere altre recensioni su Van Gogh Museum

Consigli rapidi per pianificare il tuo viaggio ad Amsterdam

Prima di lasciarti, ecco alcuni consigli che reputo fondamentali, per pianificare al meglio il tuo viaggio ad Amsterdam:

Quali sono le migliori zone per soggiornare ad Amsterdam?

La scelta dipende dalle tue esigenze e dal tuo budget.

  • Se è la prima volta ad Amsterdam– ti consiglio il centro oppure i quartieri intorno ad esso, che sono il Jordaan, Amsterdam Noord e il Quartieri dei Musei (Qui trovi alloggi in questa zona).
  • Se ti interessa la vita notturna – ti consiglio la zona intorno a Leidseplein oppure De Pijp (Trova alloggi in questa zona).
  • Se vuoi risparmiare – diciamo che Amsterdam è cara ovunque. L’unico modo che hai per risparmiare è prendere un ostello (Qui trovi i migliori della città)

I migliori consigli per risparmiare?

  • Trasporti: i mezzi di trasporto ad Amsterdam sono tutto fuorché economici. Per risparmiare se alloggi fuori dal centro, ti consiglio assolutamente la Amsterdam Travel Card della GVB. Ti permette di muoverti in maniera illimitata su tutti i mezzi. (Qui trovi la card per i trasporti).
  • Cibo: evita di mangiare fuori 2-3 volte al giorno, il mio consiglio è quello di limitare i pasti in ristoranti a una volta al giorno. Cosa fare? Fai la spesa nei supermercati, e portati il pranzo a sacco.
  • Musei: se hai intenzione di visitare pochi musei/attrazioni allora puoi tranquillamente comprare i biglietti singoli. In caso contrario, se vuoi visitare almeno 5-6 attrazioni, ti consiglio assolutamente la Amsterdam City Card. Ti permette di visitare GRATIS la stragrande maggioranza delle attrazioni e include trasporti illimitati sui mezzi pubblici (Qui trovi il pass per musei, attrazioni e trasporti).

Cosa portare assolutamente in un viaggio ad Amsterdam?

Oltre a un vestiario adeguato (specialmente se visiti la città in autunno/inverno) queste sono le cose da portare assolutamente:

  • Ombrello: ad Amsterdam piove spesso. MOLTO spesso. Per questo motivo, qualsiasi sia il periodo dell’anno in cui visiti la città, devi portare con te un ombrello. Preferibilmente uno pieghevole e poco ingombrante come questo.
  • Borraccia: ad Amsterdam l’acqua te la fanno pagare a peso d’oro. Per darti una idea in un ristorante una bottiglia costa da 5€ a 8€. Quindi è essenziale portare una borraccia (tipo questa). L’acqua del rubinetto è ottima e in giro per la città trovi tante fontanelle.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *